A.E.R.A. - Associazione Europea Rotary per l'Ambiente

Progetto Nereus

I club della città di Salerno hanno intenzione di installare sei “SeaBin”, i cestini del mare, volti a tutelare l’ambiente dalla plastica e dai rifiuti. 

Il progetto NEREUS sarà presentato il 29 aprile alle ore 10:00 con un incontro tra gli studenti del Liceo Scientifico “G. Da Procida” di Salerno con il Prof. Gaetano Guerra dell’Università Salerno.

Il Progetto NEREUS è co-finanziato della Rotary Foundation, dal Distretto 2101, dai Rotary Club della città di Salerno e con sponsor partner A.E.R.A. (Associazione Europe Rotary Per l’Ambiente). 

Gli impianti dei “cestini del mare” saranno allocati presso concessionari per ormeggio da diporto, prescelti nel bacino portuale della Città. Sarà stipulata convenzione con i concessionari da diporto.

I Seabin agganciati a pontili e, immersi in acqua, rimuovono la micro plastica e i rifiuti galleggianti e/o sospesi dall’ambiente marino; sono contenitori semi galleggianti dotati di una piccola pompa elettrica, in grado di lavorare 24 ore su 24, sette giorni su sette. Durante il loro esercizio filtrano circa 25 mila litri di acqua ogni ora e sono in grado di raccogliere rifiuti plastici: da quelli di grandi dimensioni, come le bottiglie e le lattine, alle microplastiche da 2 millimetri di diametro. 

I SeaBin saranno installati presso pontili per diportisti e i concessionari coinvolti garantiranno il loro esercizio (consumi di corrente), la pulizia degli impianti e lo smaltimento dei rifiuti plastici raccolti.

Segui AERA su Instagram e LinkedIn per saperne di più su come salvaguardare la nostra unica dimora.

Energie Rinnovabili: quali sono?

AERA_Energie

Uno degli argomenti caldi dell’ultimo periodo, scopriamo insieme le energie rinnovabili.

Quali sono e cosa si intende per fonti di Energia Rinnovabile?

Si intendono energie rinnovabili quelle che sono disponibili in natura e si rigenerano continuamente, senza l’intervento dell’uomo. Sono una fonte di energia praticamente inesauribile e a basso, se non zero, impatto ambientale. 

Tra queste troviamo le energie derivate dal: 

  • sole
  • forza del vento o dell’acqua
  • calore della terra

Sfruttare queste fonti permetterebbe la riduzione di emissioni di CO2 nell’atmosfera, dannoso per il surriscaldamento globale.

Secondo il WWF, attualmente il 20% dell’energia mondiale deriva da fonti rinnovabili. L’obiettivo è che entro il 2050 il 100% della produzione energetica sia pulita. 

Come fare nell’immediato per evitare gli sprechi? 

Partendo dal macroscopico, ad oggi vi sono diversi incentivi economici e fiscali per il passaggio all’indipendenza energetica delle proprie abitazioni, ma se ciò non fosse possibile, ecco cinque consigli pratici della vita di tutti i giorni. 

  • Stacca le spine
  • Non lasciare i dispositivi elettronici in stand-by
  • Scegli modelli a basso consumo per i tuoi elettrodomestici
  • Fai un buon uso degli elettrodomestici come il forno, la lavatrice e il micro-onde

Faccia sapere su AERA su Instagram e LinkedIn quali altri consigli daresti!


Fonti:
WWF
GREEN NETWORK

Buon Earth Day a tutti voi!

AERA_Earth_Day

Il 22 Aprile di ogni anno celebriamo l’Earth Day!

La più grande manifestazione ambientale per il pianeta torna, come ogni anno, il 22 aprile

La celebrazione è stata fortemente voluta dal senatore statunitense Gaylord Nelson e  coinvolge ogni anno fino a un miliardo di persone in ben 192 paesi del mondo.

Istituita dalle Nazioni Unite, quest’anno ha scelto come tematica “Investi nell’ambiente”. 

Degli studi hanno dimostrato la correlazione tra pratiche di business sostenibile e le performance dello stesso.

Le compagnie che hanno sviluppato una forte Environment Social Governance (ESG) hanno più profittabilità, dipendenti felici e azioni di borsa più resilienti.

Non è più necessario scegliere tra sostenibilità ambientale e longevità del business e dei profitti, la scelta green porta sul sentiero della prosperità.

Per ragioni umanitarie e di business, è necessario che le aziende abbraccino i benefici della green economy.

In che modo?
Attraverso legislazioni, incentivi e partnership tra pubblico e privato, le istituzioni hanno in mano le chiavi del cambiamento. Non basta, deve partire tutto dal singolo. 

Scopri tutti gli eventi qui: https://www.earthday.org/earth-day-2022/

Faccia sapere su AERA su Instagram e LinkedIn quali aziende conosci che hanno investito nella ESG.

Fonti:
EARTH DAY
EARTH DAY ITALIA

L’unico pesce plastic free: il pesce d’Aprile

AERA_Primo_Aprile

Fa sorridere, ma fa anche riflettere. 

Dovremmo ormai essere tutti a conoscenza delle isole di plastica che galleggiano negli oceani, la più grande delle quali è nominata Pacific Trash Vortex e ricopre un’area più grande della penisola iberica. 

Non tutti sanno forse però che ben 1 MILIONE di tonnellate di rifiuti di plastica galleggia anche davanti a casa nostra, nel Mar Mediterraneo.

Nonostante rappresenti solo l’1% delle acque mondiali, il Mare Nostrum raccoglie ben il 7% della microplastica globale, ovvero quella plastica che va dall’ordine di grandezza minore di 5 mm e che viene spesso confusa dalla fauna ittica come fitoplancton (il loro nutrimento). 

Ecco spiegato il perché sempre più spesso la plastica viene trovata all’interno del pescato e conseguentemente… sulle nostre tavole. 

Come mai un dato così elevato di microplastica? Perché il nostro è un mare tendenzialmente chiuso e il riversamento di plastica, di cui l’Italia è la seconda produttrice, raggiunge maggiori concentrazioni. 

Uno dei più grandi conglomerati si trova tra il Mar Ligure e l’isola d’Elba, nell’area protetta del Santuario dei Cetacei

Come poter limitare questo danno ecologico? Segui AERA su Instagram e LinkedIn per scoprirlo e proporre le tue idee. 

Fonti:
CNR Pisa
Focus