A.E.R.A. - Associazione Europea Rotary per l'Ambiente

Pelagos – Santuario dei Cetacei

L’opera ‘Pelagos – Santuario dei Cetacei‘ nasce nel 1991 su iniziativa dei Rotary Club Milano Porta Vercellina, Milano Aquileia, St. Tropez, Monaco, e con l’appoggio del principato di Monaco, e rappresenta uno studio biologico, socio-economico e giuridico-amministrativo cui hanno partecipato numerosi esperti nei vari settori. Lo scopo era di redigere uno studio di fattibilità e una proposta legislativa di tipo internazionale per la creazione di un santuario pelagico ligure-corso-provenzale, volto a salvaguardare la flora e la fauna di una particolare zona del Mediterraneo ricca di balenottere, globicefali e delfini quotidianamente minacciati dall’uso, a scopo di pesca, di reti pelagiche derivanti, utilizzate in genere da flotte di pescherecci estranee alla realtà economica locale. Questo studio, che prendeva le mosse dal programma dell’UNESCO ‘Man and Biosphere – MAB’, ha portato alla firma a Bruxelles il 22 marzo 1993, di una dichiarazione congiunta tra i Ministri dell’Ambiente e della Marina Mercantile italiani, il Ministro dell’Ambiente e il Segretario di Stato per il Mare francesi e il Ministro per l’Ambiente monegasco sulla istituzione di un Santuario Marino Internazionale ligure-corso-provenzale di cui successive vicende politiche non avevano permesso di realizzare l’iter. Circostanze collaterali particolarmente favorevoli hanno contribuito a dare maggior risalto a questa iniziativa: la trattativa in corso a Monaco sulla moratoria alla caccia alle balene e soprattutto la firma tra l’UNESCO e il Rotary International dell’accordo di collaborazione nell’ambito del programma ‘Conserviamo il Pianeta’ del Rotary International.

 

Pelagos Aera 007Il Santuario Pelagos per i mammiferi marini del Mediterraneo è dunque, una speciale area marina protetta che si estende per circa 90.000 km2 nel Mediterraneo nord-occidentale tra l’Italia, la Francia e l’isola di Sardegna , che comprende la Corsica e l’Arcipelago Toscano. Le acque del Santuario comprendono il Mar Ligure e parti della Corsica e Tirreno , e contengono il marittimo interno ( 15%) e le acque territoriali (32%) di Francia , Monaco e Italia , così come i mari adiacenti profondi (53 % ) . I litorali che si affacciano sul Santuario sono prevalentemente rocciosi, con l’ eccezione della Corsica orientale e della Toscana , dove sono prevalentemente pianeggianti.

Di conseguenza , all’interno della zona del Santuario la piattaforma continentale è ampia solo in corrispondenza di tali pianure costiere limitate, ma è per lo più stretta e diffusamente ripida , con canyon sottomarini profondi. La porzione occidentale del Santuario è costituita da una uniforme pianura abissale di 2500-2700 m di profondità , tuttavia nella parte orientale della Corsica, il fondale del mare è meno profondo (1600-1700 m ) e irregolare . Una corrente ciclonica dominante , che scorre verso nord lungo la Corsica e la Toscana e da lì abbraccia la costa della Liguria e la Francia continentale in direzione ovest , crea un sistema frontale permanente che funge da confine tra le acque costiere e marine . Una intensa attività biologica è generata lungo questo confine dalla dinamica delle masse d’acqua associate. Tali fenomeni sono stagionalmente e in modo intermittente rafforzati dal mescolamento verticale e orizzontale delle acque nelle zone costiere , generato prevalentemente dal vento da nord – ovest ( “mistral “), che alza dalle acque profonde nutrienti e sostanze organiche fornite da fiumi , in particolare il Rhone. Da questo derivano alti livelli di produzione primaria , con concentrazioni di clorofilla superiore a 10 g m – 3 , che supportano una cospicua biomassa di zooplancton e fauna estremamente diversificata.

Lo zooplancton , a sua volta , attrae nell’area vari esemplari di predatori , mammiferi inclusi . Il Santuario è un habitat adatto per l’allevamento e l’alimentazione di tutte le specie di cetacei regolarmente presenti nel Mar Mediterraneo; questi includono balenottere comuni Balaenoptera physalus , i capodogli Physeter macrocephalus , le balene dal becco di Cuvier cavirostris Ziphius , i globicefali lungo pinne Globicephala melas , i delfini Grampus griseus di Risso , i delfini comuni, i tursiopi Tursiops truncatus , le stenelle striate Stenella coeruleoalba , e i delfini comuni dal becco corto Delphinus delphis . Due di tali specie, balenottere e stenelle , sono numericamente predominanti nel Santuario , e rappresentano oltre l’80 % di tutti gli avvistamenti di cetacei effettuati durante le crociere estive condotte nella zona tra il 1986 e il 1989 . Circa 3.500 balenottere si trovano nel Mediterraneo occidentale , la maggior parte dei quali si concentrano nel bacino corso – ligure –provenzale ( per nutrirsi in estate di krill ) anche se le balene possono essere osservate tutto l’anno.

Pelagos Aera 008I Delfini a strisce sono i cetacei più abbondanti in tutte le acque al largo del Mediterraneo , nel Santuario i loro numeri sono 20.000-30.000 , e rappresentano il 60% di tutti gli avvistamenti di cetacei nel 1986-89 . Le specie restanti , anche se meno importanti numericamente , sono anche componenti regolari della fauna dei cetacei del Santuario ; questi includono odontoceti teutophagous che fanno profonde immersioni come capodogli, globicefali lungo pinne e grampi , che frequentando acque sia in mare aperto che in pendenza , e Cuvier del becco balene, che preferiscono specifiche aree sovrastanti i canyon sottomarini , e gli ormai rari e minacciati delfini comuni a becco corto, che si trovano nelle acque al largo , spesso associati a gruppi di delfini a strisce , e tursiopi prevalentemente nelle zone costiere , che frequentano soprattutto le zone circostanti Corsica , Sardegna settentrionale , Arcipelago Toscano e Francia continentale . L’unico altro mammifero marino che si trova nel Mediterraneo , è la foca monaca Monachus monachus , che è stato estirpato dalla zona del Santuario a metà del 20 ° secolo, ma che potrebbe teoricamente ri- colonizzare le sue rive in futuro, se i numeri della popolazione dovessero aumentare , e in questo caso nel Santuario si avrebbe una invasione umana dell’habitat di questo timido mammifero abbassata a livelli accettabili. Tale notevole diversità faunistica di cetacei convive nel Santuario , con livelli molto elevati di pressione antropica.

La maggior parte delle aree costiere che si affacciano sul Santuario , in particolare sulla terraferma , è densamente popolata e diffusa vicino alle grandi città costiere, ai porti di grande importanza commerciale e militare , e alle aree industriali . Inoltre , l’intera zona costiera del Santuario rappresenta una importante destinazione turistica, che si traduce in a una notevole pressione antropica aggiunta, durante i mesi estivi . Di conseguenza , una serie di diverse attività umane esercitano diverse minacce attuali e potenziali per le popolazioni di cetacei nel Santuario , tra cui: il degrado degli habitat causato dalle aree urbane , turistiche , industriali , e agricole , associato anche con l’ingresso di inquinanti in corrispondenza degli agglomerati e le foci dei fiumi più grandi , derivato dall’ intenso traffico marittimo ( ad esempio , da passeggeri , cargo , militari , pesca e diporto ) , da esercitazioni militari , attività particolarmente elevate in estate. Esiste anche un grave problema di mortalità dei cetacei, causata dalla collisione accidentale con reti da pesca , che continuano ad essere utilizzate nella zona a dispetto del divieto derivanti imposto alle flotte degli Stati europei .

Guarda i video

Scarica la presentazione

Pelagos Presentazione
File PDF [9.94MB]